シ ー ズ ン 終了 セ ー ル ラ イ ブ
  • Carrello 0

Rimanere creativi con Jesse Feinman

Questa settimana incontriamo il frequente collaboratore ed eclettico Graphic Designer Jesse Feinman sul suo background, processo e linguaggio visivo.

Dai un'occhiata all'intervista con Jesse qui sotto e dagli un seguito su Instagram qui.  

Grazie per aver dedicato del tempo a parlare con noi Jesse, puoi farci sapere del tuo background creativo?

Mi è sempre piaciuto disegnare e scarabocchiare durante le scuole elementari e medie, penso in parte a causa di mio zio che mi incoraggiava sempre a disegnare e dipingere e quant'altro. Da bambino gravitavo sempre verso le cose visive, che si trattasse di illustrazioni grezze nei libri, disegni di automobili, fumetti, ecc. Quando sono cresciuto, ho iniziato a fare cose per le band dei miei amici ogni tanto, il che , non sorprende, piuttosto male. Voglio dire, davvero male. Ma in qualche modo immagino che le richieste non abbiano mai smesso di arrivare, anche quando probabilmente avrebbero dovuto, ahahah.

Non credo che ci sia mai stato un singolo momento in cui ho deciso "questo è quello che volevo fare". Voglio dire, sono andato al college per scrivere, quindi questo non è mai stato esattamente il piano, ma sarebbe sciocco da parte mia lamentarmi, sai? Dopotutto, mi sto solo divertendo.

Quale considereresti il ​​tuo "campo", o titolo, come artista? Quali sono le parti migliori / peggiori del tuo titolo o del settore in generale?

Non ho né ho mai intenzione di darmi alcun titolo. Immagino che mi definirei prima di tutto un editore, ma anche questa formalità sembra sbagliata. Non lo so, i titoli mi sono sempre sembrati vuoti e incasellati, comunque. 
 
Ci sono molte cose belle sul mondo dell'"industria" / dell'arte. Sai, sviluppi molte connessioni significative e di vecchia data e incontri molte persone meravigliose. Inoltre, puoi vedere il tuo lavoro apprezzato, compreso e nelle mani di innumerevoli persone, il che sarà sempre, almeno in una certa misura, emozionante per me. Avere le mie mani in diverse parti del mondo dell'arte mi ha anche fornito l'opportunità di essere in un costante stato di apprendimento, e sperimento sempre nuove prospettive e mi vengono mostrati nuovi modi di vedere le cose. È davvero inestimabile, credo. A volte ho bisogno di fare un passo indietro e apprezzare tutto ciò che mi è stato dato, come tutte le amicizie e i ricordi di una vita. Le parti peggiori sono probabilmente quelle che ti aspetti: sai, clienti difficili, persone che non apprezzano il tuo tempo, disaccordi, la sensazione di perdere autonomia sul tuo lavoro. Ma nel complesso va bene. Penso che di solito ne valga la pena alla fine.

Come scegli i temi nel tuo lavoro?

Tendo ad esplorare solo i temi a cui mi sento più legato personalmente. Il mio lavoro, il più delle volte, ruota intorno alla connessione, ai sentimenti e alle esperienze in un modo o nell'altro, ed è solo perché queste cose sono importanti per me. Secondo me, la migliore esplorazione arriva quando l'interesse è sincero, sai? Penso che la parte davvero interessante sia cercare di trasmettere questi messaggi e idee attraverso, ad esempio, immagini di farfalle o ballerine o altro. Prendere qualcosa che già esiste e rimodellarlo completamente e infondergli nuova vita.


Il tuo lavoro è molto materico e stratificato, puoi parlarci un po' del tuo processo?

Non entrerò nei dettagli su come faccio la mia merda, ma penso che l'equilibrio di competenze e processi sia venuto dal mio estenuante e graduale perfezionamento come "artista" col passare del tempo. Riesco a bilanciare e intrecciare temi e idee e testo e immagine perché mi sono esercitato e ho passato molto tempo a cercare di dare un senso a tutto. Ho fissato per ore i caratteri tipografici sui dischi di merda da 3 dollari, sai, come tutti gli altri. Non lo so, non voglio trattare i miei processi o le mie opinioni come se fossero qualcosa di prezioso, quindi per dirla semplicemente, penso di essere appena migliorato nel capire cosa voglio fare e come realizzarlo in qualcosa di tangibile.

Qualche nuovo approccio che hai provato per il tuo lavoro?

Molte volte, le mie composizioni a volte dipendono troppo dall'equilibrio, quindi ho cercato di creare cose che fossero meno rigide e più fluide e quant'altro. Questo approccio è nato dal desiderio di cambiare e spingere me stesso. Qualcuno una volta non ha detto che la migliore innovazione viene dalla necessità? In ogni caso, andiamo con quello. 

Ho anche cercato di creare pezzi che si appoggiassero alla tipografia più di ogni altra cosa. Il tipo possiede un'incredibile capacità di essere la forza trainante di un messaggio, sia visivamente che linguisticamente.

 


SCRT è tutto per l'idea di demistificare il processo creativo - hai qualche idea su questo?

Non penso di avere necessariamente qualcosa di particolarmente perspicace da offrire in termini di nuovi modi di affrontare il lavoro visivo e cosa hai, ma penso che sia importante chiedersi perché stai facendo quello che stai facendo e cosa speri di fare ottenere nell'aggiungere qualcosa all'etere. Questo non vuol dire che io sia necessariamente orientato all'obiettivo o qualcosa del genere - sono orribile nel fissare obiettivi per me stesso - ma penso che un senso di scopo auto-guidato darà sempre vita a ciò che crei. E sai, il tuo scopo/ragione/qualsiasi cosa per fare qualcosa può essere qualcosa di semplice come "perché lo volevo". Penso che sia una buona ragione come un'altra.

Qualche consiglio per un prossimo creativo?

Va bene allontanarsi da cose che non sono più divertenti o gratificanti per la persona e va bene anche dire di no di tanto in tanto. Penso che l'understatement e la moderazione possano essere molto più potenti dell'essere pesanti o complicare eccessivamente qualcosa: consiglierei di tenerlo a mente. E, come in ogni cosa, fai del tuo meglio per avere empatia e comprensione, a patto di non dare troppo a te stesso.
 
Film preferito?

La mia amica Tara mi ha mostrato Paris, Texas quando avevo 18 anni e mi ero appena trasferito da casa. Mi ha insegnato molto e penso che la maggior parte delle persone che l'hanno visto si sentano allo stesso modo. È una specie di uno di quei film "Una volta nella vita", credo. Andiamo, la frase "Ogni uomo ha la tua voce"? Dovresti essere piuttosto senza cuore per non sentire qualcosa da questo. Per non parlare del fatto che Harry Dean Stanton (RIP) era proprio una scelta perfetta per quel ruolo. Ho letto che il film gli ha spezzato un po' il cuore. Posso capire perché.

Infine, qualche cliente/collaborazione da sogno?

Ho avuto l'opportunità di lavorare su alcuni progetti con Peter De Potter all'inizio di quest'anno e questo mi è sembrato davvero speciale. Sono cresciuto guardando LeBron James giocare ogni sera, quindi fare qualcosa per lui, o per l'NBA in generale, sarebbe l'epitome di un sogno realizzato, per quanto sciocco possa sembrare. Non lo so—sono davvero un fan di tutto... ci sono così tante collaborazioni per cui sarei euforico. Fortunatamente, gran parte della mia lista di cose da fare ha funzionato inspiegabilmente, indipendentemente da quanto mi senta poco servitore, ahah.
 
Come editore, mi piacerebbe fare un libro per uno dei fotografi di cui ho parlato in questa intervista. Wolfgang Tillmans potrebbe essere in cima alla lista, però. Ha avuto un grande impatto su di me.

Saluti Jesse!