シ ー ズ ン 終了 セ ー ル ラ イ ブ
  • Carrello 0

Rimanere creativi con Joost Stokhof 

Il direttore artistico, illustratore e locale di Amsterdam Joost Stokhof si è unito a noi come una collaborazione artistica sulla nostra collezione Left Behind. Nella nostra ultima intervista, Joost ci parla dei suoi primi disegni e di come bilancia la malinconia e l'umorismo della sua personalità nel suo lavoro di illustrazione.

Guarda l'intervista qui sotto, controlla la sua sito web e seguilo Instagram.

Grazie per aver chattato con noi Joost, quando ti sei avvicinato per la prima volta all'illustrazione?

Disegno da quando ero un ragazzino: ricordo di aver ridisegnato tutte le Riviste Mad che mio padre aveva in giro, che lentamente (molto lentamente) si sono sviluppate nelle mie cose. Descrivo spesso il mio lavoro con la descrizione "disegnare l'immagine più piccola". Quindi ha a che fare con l'illustrazione, l'arte, forse il giornalismo visivo? Cerco di non mettermi troppo in una scatola.

Qualche artista che puoi dire ha influenzato immediatamente il tuo stile? 

Ho conosciuto il lavoro di Kim Hiorthøy durante una residenza in Norvegia nel 2010 e mi ha lasciato senza fiato. Così versatile, poetico, misterioso; mi ha dato una grande voglia di fare e provare di più. Durante gli anni della mia carriera artistica ho preso in mano un libro intitolato "Yokoland" di due grafici che lavoravano sotto quel nome: fanno copertine di album, videoclip, poster e installazioni divertenti, strani, ingenui, folli. Ero davvero attratto dalla mentalità punk dell'erede (più nell'approccio che nello stile) e da allora ho cercato di vivere secondo quelle regole.  

Quanto del tuo lavoro riflette la tua personalità? Questo si scontra mai quando fai funzionare il cliente?

Fondamentalmente è quello che sono, tendo ad essere malinconico, nostalgico, un po 'imbarazzante, ma adoro anche fare battute e far ridere la gente. Quindi immagino che tutti i temi del mio lavoro vengano da lì: vedo il mio lavoro come molto malinconico, ma c'è anche un pizzico di umorismo in esso. La tecnica principale è disegnare. E io parto sempre da lì.

Con il lavoro del cliente, non penso troppo al briefing ma inizio a disegnare dall'intuizione e poi cerco di adattare ciò che ho disegnato a ciò che il cliente ha informato. Mi permette di non pensare troppo ma di lavorare dal mio, lo dirò davvero, cuore. Penso che dipenda dal sentire la libertà di fare ciò che mi piace fare, a volte senti che un cliente ha un'immagine molto chiara nella sua testa e quelli non sono mai grandi processi.

 Usi processi digitali per aiutare le tue illustrazioni? 

No, sono completamente analogico, faccio solo un po 'di colorazione in Photoshop, ma tutte le mie linee sono disegnate su un pezzo di carta (sto diventando un I-pad pro, quindi chiedimelo di nuovo tra qualche mese!). Ma sì, non ho provato nulla di troppo nuovo per un po ', il che è una brutta cosa. Mi piacerebbe scrivere ancora un po ', ora la mia scrittura accompagna sempre i miei disegni, ma mi piace vedere dove andrà da solo. Con il disegno posso giudicarmi oggettivamente, ma per quanto riguarda la scrittura non ne ho idea. Questo è un punto di partenza eccitante (e spaventoso). Immagino che lavorare in digitale possa andare in entrambe le direzioni: finché continui a fare un lavoro onesto, può davvero avvantaggiarti poiché rende il lavoro così facile.

"Penso che dipenda dal sentire la libertà di fare ciò che mi piace fare, a volte senti che un cliente ha un'immagine molto chiara nella sua testa e quelli non sono mai grandi processi."

 

Film preferito?

"Beginners" di Mike Mills  

Cliente / collaboratore dei sogni?

Mi piacerebbe essere il principale progettista di una piccola etichetta discografica e fare un sacco di copertine di dischi.

Infine, ci sono artisti / designer di cui dovremmo conoscere?

Musica: @felbm

Illustrazione: @ mi9neru

Disegno grafico: @basterandthefunkybunch

Ciao Joost!