シ ー ズ ン 終了 セ ー ル ラ イ ブ
  • Carrello 0

Restare creativi con S.William

Il nostro primo drop dell'AW20 'An Ending' prevedeva una collaborazione taglia & cuci e stampa con il tatuatore di Glasgow S.William.

Di recente lo abbiamo incontrato sul suo processo, l'arte del tatuaggio e come passa dalla carta all'inchiostro. La capsule è composta da due set stampati, t-shirt e una manica lunga. Tutto basato sui temi del transumanesimo, di cui parliamo di seguito.

Leggi l'intervista completa qui sotto e dagli un seguito qui.

 

Puoi parlarci del tuo viaggio nella creazione di immagini e nel tatuaggio? Quando hai deciso di fare il tatuatore? 

Non penso di aver mai preso attivamente la decisione di dichiararmi qualcosa o di essermi detto che voglio essere questo o quello, è solo quello che sapevo che mi piace fare. Mio fratello era il vero "disegnatore" quando eravamo bambini; tutti quelli che hanno visto il suo lavoro lo hanno lodato e ha un ottimo occhio. Ho gestito piccoli giornali e messo insieme fanzine da quando ero un adolescente. Nel Galles del Nord non c'erano musei o gallerie e persino le biblioteche avevano una tavolozza artistica molto limitata, quindi la cultura delle fanzine e la vendita per corrispondenza erano essenzialmente il mio mondo nei primi tempi di dial-up, erano tempi super piacevoli e tattili. Non c'è mistero per arrivare dove sono e non ho in alcun modo successo in alcun modo standard, ho continuato a fare quello che mi piace fare nel tempo libero che avevo e molto lentamente ho iniziato a guadagnarmi da vivere con esso . Me la cavo con i tatuaggi, la grafica, la pubblicazione e la vendita di disegni e dipinti.

Come scegli i temi / punti di esplorazione?


Stilisticamente, non è qualcosa che decido troppo attivamente. Ho questa parte a cui torno sempre a "continuare a lavorare" e ho lasciato che stabilisse il suo ritmo, che ovviamente è abbastanza variabile, ma ho smesso di combatterlo. Lascio che le cose vadano nella direzione in cui stanno andando e le cose salteranno fuori e mi ecciteranno e questo è più o meno, ancora una volta non c'è mistero è solo che ti abbassi la testa. Probabilmente mostro solo circa il 20% delle cose che faccio, specialmente sul mio S William instagram, il resto viene utilizzato altrove. Ho un bel po 'di pagine, alcuni amici intimi sanno che sono io e ne ho alcune che è completamente segreto dietro di loro, mi permette di mantenere molte variazioni in quello che faccio.

Puoi parlarci del processo di pensiero e della tecnica che entra in un tatuaggio?


Mi interessano i buoni contrasti e la consistenza e questo è tutto. Quando realizzo il tatuaggio non penso troppo al contenuto effettivo del tatuaggio che stiamo realizzando, mi interessa di più che stia bene sul corpo e quello che vedo come un buon equilibrio. Mi piace che un tatuaggio abbia successo nei suoi termini piuttosto che come sia stato copiato con successo da un pezzo di carta, sono entrambe due cose separate, disegnare e tatuare. In passato disegnavo tutto direttamente, ma oggigiorno uso gli stencil un po 'di più, ma i disegni tendono a cambiare molto una volta che sono sulla pelle, disegno a mano molti elementi e li cambio molto prima di iniziare . Sono davvero interessato a ciò che può contribuire la persona che si fa tatuare; è bello nel tatuaggio che tu abbia costantemente feedback da persone che non condividono le tue idee sul tuo lavoro e può portarti in direzioni inaspettate, alla fine non si tratta proprio di me, si tratta della persona che deve indossare il tatuaggio per quanto a lungo vivono per.

 Oggi, sempre più artisti lavorano di più e in alcuni casi interamente digitalmente: la digitalizzazione è qualcosa che consideri nel tuo lavoro?


Le persone dovrebbero lavorare come si sentono a proprio agio. Penso che ostacolerebbe parecchio il mio lavoro; È un cliché ma mi piace lasciare che le cose accadano in modo naturale e commettere errori, ripenso molto a ciò che ho disegnato e vedo in seguito cose che ho scartato in quel momento o che inizialmente non ho prestato troppo attenzione. Penso che per me prenderebbe troppo il ritmo, mi piacciono la tattilità e la presenza e questo può essere particolarmente difficile da ottenere digitalmente, avendo detto che Jaakko Pallasvuo riesce a tessere tutto insieme magnificamente.  

In che modo essere un tatuatore si distingue dall'essere solo un "artista" in generale?

Non mi sono mai sentito molto a mio agio nel definirmi un "tatuatore", ma è probabilmente la scelta più consapevole che ho fatto in termini di perseguire qualcosa di abbastanza specifico. I tatuaggi sono attraenti per me perché sono temporanei rispetto alla maggior parte degli altri mezzi e il tatuaggio non può essere davvero istituzionalizzato, tutto il resto attorno ad esso politicamente sta diventando piuttosto istituzionalizzato, ma in termini di lavoro effettivo; non può essere archiviato senza molte complicazioni, non ci sono così tante collezioni o archivi permanenti e non esiste oltre la generazione su cui si trova per poterlo valutare a lungo termine. Restano seduti sui corpi per circa 50/60 anni e tutto ciò che resta è l'atto che è accaduto. Quindi è qualcosa che ho sempre visto come un atto molto temporaneo e non mi sento a mio agio nel dire che sono un tatuatore per questo perché lo vedo come fare qualcosa di molto transitorio.

Qualche film preferito?


Non lo so! I due film che ho visto di più sono "The Eel" e "The Fifth Element". Non guardo molta TV ma amo i documentari sulla natura e sullo spazio, l'universo è così bello e fico e le cose incredibili accadono tutto il tempo.

Infine, ci sono artisti / designer di cui dovremmo conoscere?
 

Al momento sto ascoltando molto Beverly Genn-Copeland, ascolto sempre la radio di Under Milk Wood, ma Dylan Tomas è morto da tempo.