シ ー ズ ン 終了 セ ー ル ラ イ ブ
  • Carrello 0

Rimanere creativi con Victor Geldof.

Questa settimana parliamo con Victor Geldof, vincitore dell'Art Comp 2021 sulla sua presentazione all'Art Comp e impara come ricontestualizza la storia e i tanti temi da creare attraverso l'istinto. Guarda l'intervista completa qui sotto. 

Per vedere altri lavori di Greg, assicurati di seguirlo su IG qui.  

Prima di tutto, congratulazioni per essere uno dei vincitori dell'Art Comp, davvero un ottimo lavoro, parlaci di te: come sei arrivato alla creazione di immagini?

Faccio immagini da quando ho memoria. Come la maggior parte dei bambini, amavo disegnare e fare collage e praticamente non è mai andato via. Quando avevo 15 anni ho frequentato la scuola d'arte e mi sono recentemente laureata come master in graphic design. Instagram è sempre stato un ottimo mezzo per mostrare la mia arte e un ottimo modo per esplorare il mondo dell'arte in rapida evoluzione.

Qualche artista ha influenzato il tuo lavoro?

Il mio artista preferito in assoluto è Peter Beard. Era un fotografo americano che usava molti media diversi per esprimere la sua arte. I suoi diari e collage mi hanno influenzato molto. Una volta ha detto "Mi piacciono le cose che non sembrano avere il controllo" e ho più o meno la stessa visione. Spesso lascio che la casualità e la coincidenza prendano il sopravvento che spesso lasciano spazio a sorprese interessanti. Credo che l'imperfezione spesso si trasformi in unicità.

Quali sono i tuoi temi/punti di esplorazione preferiti?

La storia in generale ha sempre suscitato il mio interesse. In particolare culture e mitologie antiche, geroglifici egizi o maya, storie di mitologie norvegesi e greche, ecc. La storia e l'arte vanno di pari passo, quindi mi sono naturalmente interessato all'arte. I dipinti del Rinascimento, del Barok, dell'Art Nouveau, dell'Orientalismo hanno un posto speciale nel mio cuore. Negli ultimi anni, il simbolismo nei dipinti degli Antichi Maestri ha catturato la mia attenzione. Durante il mio anno magistrale mi sono concentrato in modo specifico sul simbolismo e sulle allegorie e ho disegnato 2 libri attorno a questo tema. Mi piace esplorare quanti più temi possibili. Spesso per coincidenza. Quando mi imbatto in qualcosa che mi piace, sarò completamente ossessionato da questo tema per un po'. Fino a quando non mi imbatto in un altro tema interessante e così via.

Puoi parlarci della tua partecipazione all'Art Comp di quest'anno?

La base della mia presentazione era un'incisione di James Ensor. L'arte di questo espressionista e surrealista belga ha un impatto su di me da un po' di tempo. L'incisione che ho usato "La Mort Poursuivant le Troupeau des Humains" (1896) mostra la morte personificata che letteralmente miete la folla indifesa. Questa incisione è apparsa su un giornale durante il primo lockdown per il covid, un quadro molto calzante per la situazione dell'epoca. Ho deciso che avrei fatto una presentazione a tema morte/peste, che purtroppo si è rivelata di grande attualità. L'inferno di Dante Alighieri si è adattato perfettamente a questo tema e la storia ha plasmato il modo in cui vediamo l'inferno e la morte. Sappiamo anche che Ensor ha letto le storie di Dante Alighieri, il che completa il cerchio.

 Il tuo pezzo preferito?

Nel 2019 ho disegnato una serie di poster sull'obsolescenza programmata per un compito scolastico. Il progetto si chiamava “Dead Media Archaeology”. Con questo progetto ho criticato l'obsolescenza programmata con una grande varietà di poster e tre pubblicazioni. Intorno agli anni '1960, in America emerse un movimento chiamato "circuit bending". I seguaci di questo movimento smontarono vecchi giocattoli e altri oggetti tecnologici e ne crearono di nuovi con i pezzi. Loro volevano
la tecnologia dello spettacolo merita una seconda vita e dovrebbe essere più sostenibile. Con questa mentalità ho iniziato il mio progetto. Ho raccolto immagini di vecchie tecnologie multimediali dal "Dead Media Archive" ufficiale. Ho progettato poster minimalisti con 3-4 tecnologie multimediali morte su ogni poster. Ho quindi creato un elenco di azioni di Photoshop, che ho poi disposto in ordine casuale. Ho fatto passare i miei poster attraverso questi nuovi circuiti per creare nuovi poster astratti. 

Hai provato qualcosa di nuovo e non comodo?

Di recente ho iniziato a sperimentare con software 3D come Blender. È qualcosa con cui volevo familiarizzare da un po' di tempo, quindi sono felice di poter finalmente mettere le mani su. Credo che il futuro risieda in 3D, VFX e soprattutto AI Quindi è qualcosa di cui voglio assolutamente far parte.

Qualche consiglio per i giovani creativi?

Sperimenta il maggior numero possibile di media diversi. Non rifuggire dalle cose che non conosci, potrebbe non funzionare ma avrai imparato da esso.

 Film / film preferito che ti ha influenzato di più?

Ci sono così tanti grandi film che è davvero difficile sceglierne uno preferito. Se proprio devo, vorrei citare Apocalypse Now (Francis Ford Coppola), Prisoners (Denis Villeneuve), The Shining (Stanley Kubrick) e Parasite (Bong Joon-ho).

Cliente / collaboratore dei sogni?

Mi piacerebbe lavorare per l'industria cinematografica come graphic designer. Sarebbe fantastico se potessi far parte del dipartimento artistico e progettare oggetti di scena e scenografie.

Infine, ci sono artisti / designer di cui dovremmo conoscere?

Come ho già detto sopra, vale sicuramente la pena dare un'occhiata a Peter Beard! Alcuni dei miei artisti preferiti sono:
Jonathan Castro
Dittmar Viane
Arthur Dufoor
Ryoji Ikeda

Saluti Vittorio!