シ ー ズ ン 終了 セ ー ル ラ イ ブ
  • Carrello 0

RIMANERE CREATIVO CON JACKSON GREEN

Questa settimana incontriamo il collaboratore dell'AW21 Jackson Green, artista e art director di Filadelfia e con sede a Los Angeles. Lavorando principalmente nell'industria musicale come direttore artistico dell'etichetta Diplos Mad decente, Jackson ha collaborato con una serie di artisti da Brockhampton e Slowthai, a Jesus Piece and Nothing, attraverso merchandising del tour, packaging di album, volantini e molto altro. 

Questa gamma si riflette anche nella moltitudine di stili e tecniche in cui viene prodotto il lavoro di Jackson. Puoi vedere come mescola tipografia personalizzata e foto manipolate digitalmente nel suo lavoro con trame scansionate personalmente ed elementi disegnati a mano.  

Come ti sei avvicinato alla creazione di immagini? Qualche ispirazione iniziale?

La creazione di immagini ha sempre fatto parte della mia vita in una forma o nell'altra. Sono sempre stata una persona molto espressiva, quindi la creazione di immagini è solo un aspetto di questo. L'ispirazione iniziale è venuta attraverso i media che ho consumato e la cultura che mi circondava: cose come l'animazione, i film, la musica, lo skateboard, i graffiti, la religione e l'arte. Ricordo che la stanza di Cy Twombly al Philadelphia Museum of Art ha avuto un grande impatto su di me da bambino, così come l'anime Neon Genesis Evangelion. 

Hai lavorato su un bel po' di caratteri tipografici personalizzati: com'è quel processo? hai intenzione di rilasciarne qualcuno?

I caratteri tipografici sono sempre una specie di avventura, in parte perché sono spesso così personali. In alcuni casi, è semplice come dire "Ho bisogno di un carattere tipografico che ricopra questo ruolo", mentre altri sono più deliberatamente espressivi, nati dal mio stesso desiderio di giocare con forme e idee. Con i caratteri tipografici più espressivi, a volte è il risultato di molte ricerche e concettualizzazioni, e talvolta l'idea fluttua semplicemente attraverso la finestra. Non c'è davvero nessuna rima o ragione.

Ho rilasciato alcuni caratteri tipografici in passato, ma ciò è stato in gran parte dovuto a pressioni esterne. Il design dei caratteri per me è un processo molto personale e meditativo, quindi regalare o vendere i miei caratteri tipografici è come regalare un pezzo di me stesso. Non riesco a vederne il rilascio per un uso più ampio andando avanti, a meno che l'idea specifica non sia quella di creare qualcosa per il rilascio. 

 Il tuo lavoro attraversa vari mezzi, da poster e abbigliamento a instillazioni e motion design: qualcos'altro ti piacerebbe provare?

Ci sono così tante cose che mi piacerebbe provare: mi piacerebbe davvero iniziare a creare e disegnare capi. Non solo la progettazione della grafica, ma pezzi interamente personalizzati. Mi piacerebbe davvero giocare con più fotografie in studio e progetti video. Mi piacerebbe davvero costruire esperienze più deliberate e coese; adottando un approccio più a 360° alla narrazione. Ho idee per pezzi di performance art che mi piacerebbe realizzare. Onestamente mi piacerebbe fare più arte concettuale in generale. 

In qualità di attuale Art Director dell'etichetta Mad Decent di Diplo, com'è bilanciare questo con progetti personali e commissionati?

L'equilibrio è sempre difficile. Se devo essere onesto, la vera difficoltà nel bilanciare tutti i miei progetti non è tanto avere spazio per il lavoro quanto lasciare spazio a me stesso. Sto cercando di migliorare nel prendere spazio e non lavorando di tanto in tanto, ma poi troverò qualcosa che mi ispiri e inizierò immediatamente a lavorare su qualcosa che lo rifletta. È un processo continuo. 

 Cosa ti attrae di più a lavorare nell'industria musicale?

La musica è sempre stata una parte estremamente importante della mia vita. Mia nonna suonava il piano, mio ​​padre era un batterista e crescendo ho suonato in vari progetti musicali.

Kandinsky una volta ha scritto che "La musica è l'insegnante per eccellenza", e penso che ci sia molta saggezza in questo. Mentre altri mezzi sembrano influenzarci emulando o sovvertendo determinati fenomeni naturali, la musica ci colpisce semplicemente perché è musica. 

Qualche consiglio per i creativi in ​​arrivo? 

Alcune cose chiave a cui cerco di tenermi:

1) Trova le cose che ami e lascia che ti consumino.

2) Non aver paura di provare cose nuove.

3) Non aver paura di fallire.

4) Non diventare cinico.

 

Film preferito?

Cambi quasi quotidiani. Sono fortemente in debito con l'estetica di film come THX 1138, 2001: Odissea nello spazio, Solaris e Blade Runner, ma sento anche di poter guardare The Mask un milione di volte senza annoiarmi.

Cliente dei sogni o collaborazione? 

Preferisco infinitamente i "collaboratori" ai clienti, ma ogni opportunità di lavorare con Raf Simons sarebbe fantastica.

 Infine, qualche designer o artista di cui dovremmo essere a conoscenza?

Per quanto riguarda gli artisti di cui più persone dovrebbero essere a conoscenza: Ray Martinez, Patrick Edell, Queenie-Flavie Charles, Michael A. Flanagan, Carter Juncal, Carlo Cavaluzzi ed Emma Hazen nello spazio delle arti visive. 

Musicalmente, le persone dovrebbero dare un'occhiata a Godly The Ruler, Goon Des Garçons, Perossido biondo e Animale generico.

Ciao Jackson!

Per vedere di più sul lavoro di Jackson, seguilo su Instagram qui.